28 de mayo de 2017

Moneda

Buon giorno:

Come vi sentiresti se qualcuno che amate, o semplicemente si vuole bene, cambia improvvisamente e diventa qualcun altro? Cosa fareste se muta per un totale sconosciuto? Molte volte mi hanno chiesto come ci si deve sentire la nostra famiglia per vedere il cambiamento quando la fibromialgia inizia a devastare il nostro mondo. Ho spesso immaginato quello che devono sentire i nostri amici al vedere che quasi non vuogliamo essere al suo fianco. Spesso mi chiedo perché devono capire loro quando nessuno dice loro sì, questa malattia esiste e che le condizioni sono quelste e non altre.

É vero, é verissimo che esistono anche persone immature che soltanto ti vogliono se ti senti bene, che non ti amano, cattive che soltanto hanno voluto aproffitarsene di quel che tu potessi dargli e non ti hanno voluta quando tu hai avuto bisogno di loro. Insicure, che non hanno saputo aggire al vedersi adosso questa situazione, ecc. Ma, se ci fermiamo a pensare, io non entro a valutare la condizione o raltà di ogn’uno, e ci mettiamo nei panni di quete persone che ci sono nella nostra famiglia o fra gli amici, capendo che non deve essere fácile stare a fianco a chi, all’improviso, inizia ad avere sbalzi di umore, svolgiatezza per socializzare, una stanchezza fuori del solito ed un umore esacerbato. Tutto ció deve far sentire perse alle persone che condividono la nostra vita, per di piú quando apena ci sono dottori capaci di spiegargli cóme devono reaggire e cóme possono aiutarti ed accompagnarti in questo nuovo viaggo che devi intrapendere insieme alla fibromialgia.

Ringrazio il cerchio famigliare e di amicizie che ci acompagano, che ci aiuta e ci capisce e che continua ad amarci pur i nostri cambiamenti e della nostra aparente manzanza di interese verso quel che prima faccievamo insieme a tutti loro. Ed anche per i malati di fibromialgia capaci di aver speigato ai loro affetti in ché consiste la malattía; e ringrazio anche a chi hanno fatto il possibile per adattarsi alla nuova situazione ed hanno incomminciato a vedere questa malattía insieme a chi la soffriamo.

Grazie di llegermi e vi invio baci ed abbracci di cottone, pregandovi d condividere per poter aiutare a piú persone.

María Díaz- Silvia Abellán (Traducción)